GLI STUDENTI SI RIAPPROPRIANO DELLO STUDENTATO ABBANDONATO DELL’UNIVERSITà DI TOR VERGATA

Questa mattina, gli studenti del nostro territorio hanno occupato lo studentato di Tor Vergata “Boccone del povero” – in Via Cambridge 115.

L’edificio, proprietà dell’ente LazioDisu, consta di ottantadue posti letto destinati agli studenti vincitori di borsa di studio. La struttura però è chiusa da ben quattro anni perché dichiarata inagibile per via dei lavori di ristrutturazione incompiuti; invero mai partiti a causa del mancato sblocco, da parte della Regione, dei fondi della legge 338 del 2000 destinati alla ristrutturazione di residenze universitarie.

L’emergenza abitativa studentesca è grande a Roma: più di 900 idonei non vincitori si ritrovano senza posto alloggio, oltre a alle migliaia di studenti ai quali è negato l’accesso allo studio a causa di tasse esorbitanti e affitti inaccessibili. Questo problema era già stato preso in considerazione dagli studenti e dai cittadini del territorio, i quali lo scorso 17 ottobre attraverso un’occupazione simbolica dello studentato avevano ottenuto l’impegno da parte di Laziodisu di convocare un tavolo con il MIUR, e la promessa di sblocco dei finanziamenti. Queste promesse ad un mese di distanza non sono state mantenute. Per questo gli studenti di Tor Vergata, il collettivo Lavori in corso, Link e il laboratorio NUNG hanno deciso di protestare nuovamente affinchè siano sbloccati i fondi per la riqualificazione e gli studenti vedano riconosciuto il loro diritto allo studio.

Lo studentato “Boccone del povero” entra a far parte di quel nuovo piano di sviluppo del nostro territorio basato sulla sostenibilità, la creazione di nuova occupazione e la valorizzazione dei centri di ricerca e di cultura.

In seguito all’azione di stamani, si è svolta un’assemblea pubblica in cui il rappresentante di Laziodisu Carmelo Ursino e il rappresentate della regione Lazio Sergio Sitta si sono impegnati a convocare un tavolo di trattativa per venerdì 22 novembre alle ore 10 presso la sede centrale di Laziodisu, in via Cesare De Lollis, al quale saranno presenti anche i rappresentanti del Miur. Gli studenti hanno deciso di mantenere un presidio permanente all’interno dello studentato fino a venerdì per conoscere l’esito dell’incontro e decidere come proseguire la mobilitazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...