VIALE ANTONIO CIAMARRA: I PALAZZI TREMANO A CAUSA DEGLI SCARICHI DEI SUPERMERCATI

scarico[1]

I cittadini raccolgono le firme per richiedere l’intervento delle autorità competenti affinché si ripristinata immediatamente la sicurezza e la salute pubblica

Sono alcuni mesi che le vite dei condomini di viale Antonio Ciamarra 255 sono stravolte a causa delle operazioni di scarico e carico merci effettuate dal supermercato Carrefour che si trova nei locali del piano terra del palazzo. Precedentemente lo scarico veniva svolto in via Francesco Gentile ma è stato poi spostato in seguito ad una decisione dei vigili urbani che, dietro segnalazione, sono intervenuti constatando che non solo le operazioni di scarico e carico merci sono state effettuate per anni senza nessun tipo di autorizzazione ma che oltretutto l’uscita degli automezzi in contromano dal supermercato andava incontro al divieto del codice della strada. Per questo è stata rilasciata ua determinazione dirigenziale che ha autorizzato lo scarico e carico cul versante opposto del palazzo, quello di viale Antonio Ciamarra. Questa decisione ha causato però innumerevoli problematiche fra cui la staticità (e’ infatti vietato transitare con automezzi,carrelli motorizzati, ecc sui percorsi pedonali antistanti i negozi e sul piano portico che fra l’altro è un solaio a copertura dei posti macchina sottostanti e perciò fragile e a rischio crollo se si esercita su di esso una pressione troppo elevata, “E’ come un terremoto! Si ha la senzazione che il palazzo incominci a tremare tutte le mattine alle 6.45”-inquilino del condominio), l’inquinamento acustico causato dal passaggio dei tir ed carrelli ogni ora del giorno sullo spiazzale fatto di mattonato, il pericolo viabilità con le merci scaricate in strada, il pericolo igienico causato dai rifiuti organici lasciati a cielo aperto dove vi è il passaggio pedonale, il non rispetto degli orari di scarico. Ma l’elemento che fra tutti lascia più perplessi è il posizionamento dei tir sul marciapiede antistante il supermercato. Nel fare questa manovra infatti non si fa altro che ripetere l’infrazione per cui il l’ufficio tecnico dei Vigili Urbani ne ha impedito lo scarico in Via Gentile. Per queste ragioni i condomini si sono organizzati facendo una raccolta firme che è stata protocollata presso il VII gruppo dei Vigili Urbani, i Vigili del Fuoco di via Scribonio Curione e l’Arpa(Agenzia regionale per il rispetto dell’ambiente) di via Saredo. L’iniziativa nasce dall’esigenza di richiedere l’intervento immediato delle autorità competenti per il ripristino della sicurezza e della salute pubblica.

Questo è uno dei tanti casi che si vivono nel territorio del VII Municipio, e più in generale nella città di Roma, nel quale i diritti della persona sono sacrificati rispetto a quelli del profitto privato. Supermercati di questo genere, progettati più di 35 anni fa, non sono più compatibili con la vita delle persone e per questo dovrebbero essere spostati e ricollocati in aree e strutture apposite.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...