CORRERE PER LA VERITA E LA GIUSTIZIA 1° Memorial Stefano Cucchi al Parco degli Acquedotti

Rilanciamo ed aderiamo all’appello di Ilaria Cucchi che in occasione del sesto anniversario della morte di Stefano Cucchi sta organizzando un evento sportivo e culturale presso il Parco degli Acquedotti

1° Memorial Stefano Cucchi

10449454_10203148076935966_1253682419633052964_nQuest’anno ricorre il sesto anniversario della morte di Stefano.

Quest’anno è accaduto qualcosa di particolarmente significativo che lo riguarda, che ci riguarda.
Quest’anno, dopo che si è drammaticamente parlato di lesioni, ci sarà la prescrizione.
Quest’anno nel muro di gomma si è aperta una piccola crepa, è uscita fuori un’altra verità. Dopo sei lunghissimi anni.
E noi, che sei anni fa siamo stati informati della morte di Stefano tramite la notifica di un decreto di autopsia, aspettiamo di capire. E non perdiamo la speranza.

Stefano Cucchi, mio fratello, è quel ragazzo arrestato per spaccio nella notte tra il 15 e il 16 ottobre del 2009.
È quel ragazzo processato nel tribunale di Roma e spedito in carcere come “albanese senza fissa dimora”.
E’ lo stesso ragazzo che in quel tribunale aveva la voce spezzata dal dolore e sul corpo i segni del pestaggio appena subito.
È quel ragazzo di cui nessuno ha visto e sentito niente da quel momento e per i sei giorni successivi, quelli in cui è stato inghiottito dal carcere. I giorni del suo calvario.
Stefano Cucchi, lo ricorderete, era quel ragazzo descritto come ‘cafone e maleducato’ a cui medici e infermieri hanno negato ogni cura e attenzione perché era ‘poco collaborativo’.
E così Stefano Cucchi, mio fratello, si è spento, all’alba del 22 ottobre del 2009, nell’indifferenza generale.
È letteralmente morto di dolore Stefano, perché il suo cuore non ce l’ha fatta più ed alla fine ha smesso di battere.
Aveva 31 anni, mio fratello.

Da sei anni io ed i miei genitori portiamo avanti quella che è divenuta una vera e propria battaglia, per l’assoluta incapacità dello Stato di assumersi le proprie responsabilità e di ammettere che in quei sei giorni nelle sue maglie qualcosa non ha funzionato e che quel qualcosa è costato la vita ad un essere umano.

È stata una battaglia lunga e dolorosa ma siamo andati avanti nonostante tutto, i miei genitori ed io. Ed oggi abbiamo la speranza che sulla morte di Stefano si possa finalmente far chiarezza.

Quello che mi piacerebbe, per questa ricorrenza, è avere accanto tutti coloro, tantissimi, uomini e donne di tutto il Paese, che come noi in questi sei anni non hanno mai smesso di crederci, che spesso hanno provato a non lasciarci soli.

Per questo lancio un appello.
I miei genitori ed io vorremmo un momento di incontro, con tutti voi.
Per capire, insieme, da dove siamo partiti, cosa abbiamo fatto e cosa ancora potremmo fare per abbattere quei meccanismi pericolosissimi in base ai quali le vittime di simili abusi vengono sistematicamente individuate come i principali responsabili della loro stessa morte. E tutto finisce lì, si volta pagina e scusate per il disturbo.

Vorrei quest’anno per Stefano una riflessione, insieme a tutti voi.

Pochi giorni dopo la sua morte apparve in sogno al mio miglior amico. Gli disse: «Di a mia sorella che sto bene ora. Dille di andare avanti. Dille che forse non saprà mai quello che mi è accaduto e forse non avrà mai giustizia per la mia morte ma dille anche che quello che farà per me servirà per molti altri».
In quel momento non capivo cosa volesse dirmi, perché in quel momento non sapevo ancora cosa mi aspettava.

Oggi, dopo sei anni, so perfettamente il senso delle parole di Stefano.

Ed ora dopo sei anni vado, andiamo, avanti con la stessa determinazione di allora. Perché Stefano e tutti gli altri che negli anni hanno subito una simile sorte meritano una giustizia diversa da quella che lui ha conosciuto in quell’aula. Quella mattina durante l’udienza per direttissima dove è iniziata la fine della sua vita. Una giustizia davvero giusta e davvero uguale per tutti.
E perché tutti noi abbiamo il diritto di poter credere in un mondo migliore. Per noi, per i nostri figli ed anche per i figli di coloro che si permettono di commettere gli abusi peggiori, protetti da una divisa.
In questi lunghi interminabili anni abbiamo corso, siamo caduti e ci siamo rialzati, abbiamo affrontato ostacoli, superato salite impervie e continuiamo, continueremo a correre.

Vi aspetto tutti il giorno 31 ottobre 2015 alle ore 10.00 al Parco degli Acquedotti Via Lemonia per il 1° Memorial Stefano Cucchi. Vogliamo correre insieme a voi, voi che ci siete sempre stati e voi che a mano a mano vi siete aggregati.
Sì, una maratona per ritornare con noi nei luoghi in cui pochi minuti portarono mio fratello verso il buio… Ma sarà una giornata di luce, una maratona degli affetti, perché sono gli affetti a salvarci.

Grazie.

Ilaria Cucchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...