ANAGNINA- Assemblea popolare sui trasporti. Autisti e pendolari si confrontano e fanno sentire le loro ragioni

fermata della metro Anagnina

Nonostante il gelo polare è stata decisamente una bella assemblea quella organizzata dalla Carovana delle Periferie ieri pomeriggio alla stazione Anagnina, uno snodo strategico dei trasporti da e verso la periferia di Roma. Metro, autobus dell’Atac e del Tpl, pullman del Cotral, in pratica decine di migliaia di persone che ogni vanno e vengono dalla periferia e dall’area metropolitana della Capitale, transitano in questo quadrante. E’ stata una assemblea riuscita anche perché è capitato in un momento di conflitto molto alto tra i lavoratori delle linee Tpl, linee private date in concessione da Comune e Atac per collegare i quartieri più periferici della Capitale. Da giorni gli autisti senza stipendio stanno bloccando i depositi delle vetture facendo saltare una novantina di linee.

E venerdì 27 Novembre alla stazione di Anagnina, insieme alla gente dei quartieri della periferia c’erano anche loro, gli autisti del Tpl ed anche quelli dell’Atac, un momento vero di confronto e ricomposizione ben rappresentato da una pendolare che si è fermata, ha preso il microfono e con molta semplicità ha detto che utenti e autisti sono parte della stessa barricata.
Numerosi gli interventi degli autisti, sia del Tpl che di Atac, che si sono alternati agli interventi dei rappresentanti della Carovana delle Periferie. I lavoratori del trasporto hanno dichiarato pubblicamente di aver apprezzato il comunicato e il sostegno della Carovana mentre sono in lotta contro l’arroganza aziendale e comunale. Il tutto mentre migliaia di volantini venivano distribuiti ad altrettanti pendolari che a frotte riempivano tutti gli spazi: dalle pensiline ai corridoi della metro. In molti casi la gente è venuta a prendersi i volantini, incuriosita dall’assemblea e dall’amplificazione. Il tour che la Carovana delle Periferie sta facendo in tutti gli snodi strategici del trasporto che collegano le periferie alla città, iniziato dieci giorni fa alla stazione della Roma-Lido a Piramide, proseguirà nelle prossime settimane: le nuove tappe sono la Casilina dove un immensa periferia vede all’opera l’incapacità di integrare il trenino pre-esistente con la nuova metropolitana, e poi la Tiburtina ed infine la stazione del Flaminio, altri due snodi che oggi vedono il calvario di migliaia di pendolari che dalla periferia o dall’hinterland vengono e vanno da Roma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...