Archivi del mese: gennaio 2016

Aeroporto di Ciampino e salute low cost

ciamdi Antonella Litta*  Il trasporto aereo provoca inquinamento ambientale e danno alla salute come ormai dimostrato da anni di ricerche e studi scientifici.
Solo una minima parte della popolazione mondiale viaggia in aereo mentre le conseguenze del  surriscaldamento climatico, dovute anche al trasporto aereo, hanno ripercussioni sull’intera umanità in termini di desertificazione, alluvioni, cicloni, sconvolgimenti climatici così gravi
che determinano distruzioni e carestie in aree sempre più estese del pianeta e incrementano il fenomeno forzato delle migrazioni soprattutto dal continente africano ed asiatico. Continua a leggere

IL PARCO DI TORRE DEL FISCALE NON E’ UNA DISCARICA

parco tor fiscale In merito alle notizie pubblicate sulla stampa e ai titoli allarmistici sul “sequestro del Parco di Tor Fiscale”, l’Associazione onlus La Torre del Fiscale, concessionaria della gestione del Parco e dei servizi all’interno dei Casali, precisa quanto segue:

1) Le discariche abusive e il lago di gasolio fortemente inquinanti riguardano esclusivamente i sotterranei che si trovano oltre l’area di confine del Parco stesso. Nell’area del Parco è stato posto sotto sequestro solo il cancello di ingresso alle cave, si tratta infatti dell’unico accesso comodamente praticabile ai fini dell’ispezione effettuata ieri dalle forze dell’ordine e dall’Arpa che si sono inoltrate per diversi km nel reticolo delle gallerie che arrivano a Via Appia Nuova, Via Demetriade ed oltre. Continua a leggere

OSTERIA DEL CURATO parte l’iniziativa del comitato di quartiere per l’apertura del Centro Civico Polifunzionale

centro-polifunz-gen2016Sabato prossimo, dalle ore 9 in poi, il Comitato di Quartiere ha promosso un’azione di bonifica dell’area circostante alla “Casa del Quartiere”, sita in via del Fosso di Gregna all’altezza del civico 7. Scopo dell’iniziativa, oltre a quello di arginare il degrado, è di sollecitare le Istituzioni a dare corso alle finalità per le quali il Centro Civico è stato costruito impegnando fondi pubblici. Il ritardo di tale attuazione non è più comprensibile e la cittadinanza si attiverà affinché, chi per funzione ne ha le competenze amministrative, agisca quanto prima per fa sì che si giunga, finalmente, alla naturale conclusione del progetto, in modo che presto i cittadini possano esercitare le attività sociali atte a sviluppare una coesa vita civile.

Continua a leggere

Intervista ad Ettore Scola al Parco degli Acquedotti durante la 2° edizione del Cinecittà Film Festival

Riproponiamo un’intervista realizzata durante la seconda edizione del Cinecittà Film Festival al maestro del cinema italiano appena scomparso Ettore Scola.

Una vita intera dedicata non solo a rappresentare vizì e virtù della società italiana ma soprattutto tesa a valorizzare e difendere quel mondo del cinema, da lui tanto amato, che negli ultimi anni ha subito un forte attacco a partire dai tagli alla cultura operati dagli ultimi Governi fino ad arrivare al piano cementificatorio dell’Imprenditore Abete che vuole sostituire la produzione cinematografica di Cinecittà con l’intrattenimento e la costruzione all’interno degli studi di un albergo, boutique e migliaia di parcheggi. Sempre al fianco delle maestranze, continuamente minacciate dai licenziamenti, vogliamo ricordarlo come uno dei pochi, insieme a Citto Maselli, ad essersi schierato apertamente dalla parte dei diritti dei lavoratori e contro ogni logica culturale asservita alla speculazione e al profitto. Di seguito l’intervista.

Qual è la curiosità che l’ha spinto ad attraversare e contribuire a questo Festival?

Hai già risposto..la curiosità. è quella che mi ha sempre spinto, nel bene nel male,penso più nel bene..sai,essere curiosi.. e poi l’italia è un paese che perchè curioso è pieno di occasioni. Sei curioso, capisci tante cose, perchè un paese che si dice appartenga alla Cultura e invece fa di tuttto per negarla, non fa niente per promuoverla. Ieri c’è stato un incontro,credo alla FederCommercio.. è andato Franceschini, perchè li ci va…Non ha nominato la Cultura, ha parlato in verita di enti lirici ma il Cinema non l’ha manco nominato ha detto che va tutto bene. Se abbiamo fiducia il lui dobbiamo essere convinti che il Cinema va bene..non ha problemi..neanche qui a Cinecittà non ci sono problemi..che problema c’è..va bene così..

Parte la campagna di finanziamento di Cinecittà Bene Comune

balli stellariFare attività sul territorio a favore della giustizia sociale, si sa, può costare caro. E non solo in termini di osccuramento che, soprattutto negli ultimi anni, si è notevolmente intensificata, ma anche in termini puramente economici, perché un volantino, un’iniziativa in piazza o anche semplicemente una Tenda con mensa popolare e ambulatorio medico hanno dei costi di gestione che non sempre la buona volontà dei cittadini riesce a coprire.

È per questo che la rete territoriale Cinecittà Bene Comune, in collaborazione con il CSOA Sans PapiersScup – Sport e Cultura Popolare, ha deciso di organizzare due grandi iniziative di autofinanziamento a sostegno delle vertenze e delle lotte portate avanti ogni giorno.
Continua a leggere

CASA : NONOSTANTE LE DICHIARAZIONI DEL PREFETTO GABRIELLI CONTINUANO GLI SFRATTI NEI PIANI DI ZONA

MARTEDI’ 19 GENNAIO, DALLE ORE 8,30, PRESIDIO ANTI-SFRATTO PER DIFENDERE LE 8 FAMIGLIE DEL PIANO DI ZONA DI TOR VERGATA
caioL’AS.I.A./USB dà appuntamento per martedì 19 gennaio, a partire dalle ore 8.30, al presidio degli inquilini resistenti nel quartiere Tor Vergata, in via Marcello Gallian 20, indetto contro lo sfratto di otto famiglie che abitano in appartamenti dei Piani di Zona.
Lo sfratto dagli alloggi di edilizia agevolata è stato richiesto dalla Cooperativa ‘Lega San Paolo Auto’ ed è divenuto esecutivo nonostante le famiglie abbiano versato l’intero importo per l’acquisto degli appartamenti e nonostante la Guardia di Finanza abbia aperto nei confronti della Cooperativa un indagine per truffa, concussione, estorsione aggravata, ecc. Continua a leggere

I cittadini di Cinecittà Est vogliono una Piazza per il loro quartiere

cinestProseguono le iniziative pubbliche promosse dal Comitato di quartiere Cinest. La mattina del 9 Gennaio, nello spartitraffico di viale Antonio Ciamarra, c’è stata l’esibizione della Banda di fiati Cecafumo a sostegno della giornata intitolata “La Piazza che non c’è”, per segnalare l’assenza di luoghi di incontro e socializzazione all’interno di un quartiere molto popoloso come quello di Cinecittà Est. L’iniziativa, molto partecipata, è nata infatti per rivendicare il diritto alla Piazza del Quartiere. L’intenzione del Comitato è quella di creare un programma di iniziative nel territorio, da concordare con chi abita e/o lavora a Cinecittà Est, in funzione del miglioramento della qualità della vita dell’intero quartiere.

STORIE IN SALITA – BellaSki

BellaSki è la storia vera di un ragazzo che vive nel quartiere Tuscolano da quando è nato. Il suo percorso di vita cambia di colpo quando conosce in una palestra popolare la boxe. Tra gli allenamenti intensi e gli incontri di pugilato, la sua quotidanietà subisce un cambiamento quando trova la forza per ridefinire ancora una volta la sua esistenza. Complici le nuove amicizie e la ritrovata voglia di restare in piedi fino all’ultimo round, non solo di un mach ma di fronte ai problemi che ogni giorno, quando si sveglia deve affrontare ….

http://www.dailymotion.com/video/x258oct_bellaski_tv

Il video realizzato dalla Rudere Production è un intervista immersa nelle immagini del quartiere che chiunque sarà in grado di riconoscere.

LA PARTECIPAZIONE POPOLARE DIVENTA PROTAGONISTA DEL VII MUNICIPIO

12179446_1481067845556420_1269368775_n

Via Tuscolana – Corteo in difesa del Csoa Corto Circuito

Ci deve far riflettere e interrogarci positivamente quanto è accaduto nell’arco di un mese in questo territorio, in termini di partecipazione popolare: quattro manifestazioni pubbliche hanno attraversato le strade e le piazze del VII Municipio dal 23 Ottobre al 23 Novembre. Centinaia e centinaia di persone hanno aperto spazi di comunicazione e agito democrazia. E come se la voglia di riscatto verso una città umiliata e commissariata pian piano prendesse linfa vitale, generando nuove idee sottratte all’immobilismo e al fatalismo della rassegnazione, sfidando l’incertezza del momento.
Continua a leggere