ASL VIA CARTAGINE – CHIUDE IL REPARTO DI RADIOLOGIA A CAUSA DEI TAGLI ALLA SANITA’ Da San Giovanni a Vermicino rimarrebbe un solo servizio gestito dal pubblico

asl via cartagineRimarrà aperto fino al mese di Febbraio il reparto di radiologia della Asl RmB di via Cartagine 85, zona Quadraro, poi chiuderà i battenti definitivamente. La politica della spending review avviata dalla Regione Lazio porta con se conseguenze disastrose anche sui municipi. Il piano di rientro e i tagli alla sanità messi in campo, prevedono la chiusura progressiva della sede della Asl di via Rizzieri con il conseguente trasferimento degli uffici amministrativi presso il poliambulatorio di via Cartagine che trasloca il proprio reparto di radiologia nella sede di via Antistio.

Questa sede però è già fornita di tale servizio, con la conseguenza che rimarrà aperto un solo reparto di radiologia pubblico per tutto il territorio e per un bacino di utenza che va dal quartiere San Giovanni a Vermicino e che conta circa 320 mila utenti. Già a dicembre il servizio di radiologia fu sospeso per una decina di giorni e trasferito all’ambulatorio di via Antistio dove si è verificato un sovraffollamento e le liste di attesa si sono gravemente allungate portando a oltre i 3 mesi la data dell’appuntamento per eseguire le analisi. Successivamente alla petizione di firme raccolte dai cittadini e dal Movimento 5 Stelle, il servizio di via Cartagine ha ottenuto una breve proroga dalla Regione Lazio riaprendo il reparto ma da Febbraio si richiuderanno i battenti. Se la Asl e la Regione non cambiano radicalmente rotta, la popolazione, perderà un’altro importante servizio sanitario pubblico sul proprio quadrante territoriale in nome del risparmio ma a discapito del diritto alla salute. Una fine che i cittadini continuando a raccogliere le firme, scongiurano fino all’ultimo. La chiusura di questo servizio, particolarmente richiesto dai residenti più anziani del quartiere, è il preludio allo smantellamento progressivo delle funzioni sanitarie del poliambulatorio via Cartagine. Infatti dopo il ridimensionamento della sede di via Rizieri, il destino di via Cartagine in prospettiva, sarà quello di diventare una sede amministrativa dove i servizi scompaiono lasciando il posto ad uffici e trasferendo il servizio sanitario vero e proprio in via Antistio. Questo oltre a peggiorare l’offerta sanitaria pubblica, creando difficoltà sopprattutto per la popolazione anziana, costretta così a percorrere una maggiore distanza per accedere al servizio, farebbe schizzare alle stelle le liste di attese e a questo punto favorirebbe le cure private a pagamento. Così facendo si finisce con sostenere chi con la sanità ottiene profitti e si contribuirebbe ad escludere con il tempo le fasce di popolazione economicamente più deboli. Una tendenza quella a rinunciare alle cure in aumento costante, registrata anche dalle agenzie degli studi statistici più autorevoli, conseguenza ineludibile del dilagare della crisi economica e del lavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...