APERTURA DEL PARCO DI CENTOCELLE

I cittadini fanno incursione al Parco di Centocelle per denunciare abusi, inquinamento e per sollecitare la ripresa dei lavori di riqualificazione

13221527_517827015068751_6122714990021585147_n

Domenica 22 Maggio si è svolta un incursione dei cittadini al parco di Centocelle sul versante di via Papiria, dalla parte del quartiere Don Bosco. La manifestazione per l’apertura del parco, promossa dalla Rete Territoriale Cinecittà Bene Comune, è stata ideata per dare visibilità allo stato di abbandono in cui versa l’area verde, considerata il polmone naturale dei quartieri popolari Centocelle, Torre Spaccata e Cinecittà. I cittadini hanno prima percorso in bici la pista ciclabile che unifica il Parco degli Acquedotti con il Parco di Centocelle, rivendicando il ripristino immediato del tratto della ciclabile di viale Giulio Agricola interrotto dalla cantierizzazione effettuata in previsione di un parcheggio sotterraneo che è stato prima bloccato e poi archiviato definitivamente dall’amministrazione comunale a seguito delle proteste dei residenti. Successivamente la manifestazione è continuata all’interno del Parco di Centocelle all’altezza di via Lucio Mummio con una assemblea pubblica molto partecipata, dove hanno preso la parola diverse realtà del territorio e il presidente del municipio V Gianmarco Palmieri in quanto l’area appartiene amministrativamente al V Municipio. Durante l’incontro sono stati sollevati alcuni punti su cui costruire una mobilitazione permanente per l’apertura e la ristituzione del parco alla cittadinanza in termini di verde pubblico, servizi per la cittadinanza e nuovi posti di lavoro. Per primo è stato chiesto l’immediato riavvio dei lavori di esecuzione del secondo stralcio del parco sul versante di via di Centocelle all’altezza del quartiere Quadraro Vecchio. Di fatto la ditta esecutrice dei lavori è fallita e l’amministrazione ha deciso di rimettere a bando il finanziamento e di individuare un’altra ditta. Il tempo necessario per la nuova aggiudicazione vuole essere speso per fare recepire al comune le varianti proposte dai cittadini sul progetto esecutivo in termini di funzioni in grado di far vivere il parco come un luogo ricco di opportunità e di servizi quali ad esempio un area giochi per i più piccoli e un circuito sportivo con un campo polifunzionale per il calcio, la palla a volo, il rugby e il cricket. La seconda rivendicazione è stata espressa sulla messa in opera della riesumazione delle ville storiche presenti all’interno del parco sulle quali insiste un finanziamento di mille e 600 mila euro da parte di Roma Capitale, per offrire la giusta attrattiva turistica ad un area di grande pregio storico e culturale. Si è poi sollevato il problema annoso della delocalizzazione degli autodemolitori e di tutte quelle attività abusive e incompatibili con il parco e la relativa bonifica delle aree contaminate. Nei scorsi giorni infatti i rottamatori hanno ricevuto l’ennesima proroga a fronte di attività che troppo spesso neppure svolgono realmente. Di fronte a questo è stato ribadito che la Regione Lazio ha stabilito di far pubblicare il bando per gli autodemolitori affinchè possano svolgere la loro attività all’interno di capannoni industriali e in altro luogo. Anche di recente il Comune di Roma con Delibera della Giunta Capitolina n. 181 del 25.6.2014 ha definito le linee di indirizzo programmatiche per la delocalizzazione e/o stabilizzazione dei centri di autodemolizione e rottamazione nel territorio di Roma Capitale. E’ stato ricordato il risultato ottenuto, qualche mese fa dalla mobilitazione dei cittadini, delle rilevazioni dell’ARPA. L’ente riconosciuto giuridicamente, ha riscontrato l’inquinamento delle falde acquifere provocato dagli acidi delle batterie delle automobili. Infine è stata ribadita la necessità di aprire anche l’area del terzo stralcio del parco (via Papiria/viale Palmiro Togliatti) , attraverso il riconoscimento dell’uso pubblico del terreno di alcune proprietà private, come consentito dalla legge e di trovare le risorse economiche necessarie in sede di bilancio capitolino per la manutenzione e la realizzazione dell’ultima parte di parco rimasta ancora senza finanziamento. Un finanziamento che dovrà tenere conto di una opera anche di bonifica visti i livelli di inquinamento a cui è stato sottoposto il sito negli ultimi decenni. Per il reperimento dei fondi necessari è stato fatto appello anche ai fondi strutturali europei, messi a disposizione e gestiti dalla Regione Lazio. Al termine dell’assemblea è partita una partecipatissima passeggiata all’interno del parco. E stato possibile ammirare le bellezze naturali presenti poco distanti dai palazzi dei vicini quartieri. Durante la camminata addirittura sono stati avvistati anche dei fagiani, nonché è stato possibile ammirare i numerosi boschetti nascosti e una fioritura rigogliosa e inaspettata. Il percorso è proseguito con i cittadini che hanno fotografato diverse aree trasformate in discariche abusive e rifiuti ingombranti abbandonati senza ritegno all’interno, fino ad arrivare al ridosso della parte già riqualificata del parco che si affaccia su via Casilina. Qui la camminata supportata anche da un taglia erba che ha tracciato il sentiero nella vegetazione alta più di un metro, si è dovuta fermare. Si è bloccata davanti all’ennesimo abuso edilizio di una costruzione che impedisce il ricongiungimento del parco con via Casilina. La costruzione in questione è stata raggiunta da un provvedimento di demolizione, una determina dirigenziale, che però non viene eseguita dalle autorità per mancanza di fondi. Al termine della passeggiate la rete Cinecittà Bene Comune ha ribadito che non appena sarà insediata la nuova giunta e il nuovo sindaco della città, tornerà a bussare per ottenere l’apertura del parco, un risarcimento doveroso verso un quadrante di città che lo circonda fortemente martoriato dalla smisurata concentrazione di cemento, tipica della speculazione edilizia degli anni 60 che non ha rispettato gli standard minimi urbanistici.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...