Cinecittà Est: nuovo esposto dei cittadini per le attività irregolari del supermercato Carrefour di viale Ciamarra

scarI cittadini di viale Antonio Ciamarra hanno protocollato un nuovo esposto per denunciare le problematiche causate dall’attività del supermercato Carrefour e nel quale si chiede il ripristino della sicurezza stradale e dei pedoni attraverso l’annullamento della determinazione dirigenziale che istituisce l’area di carico e scarico merci del supermercato Carrefour in viale Antonio Ciamarra civ. 247/253.

Tali problematiche erano state già evidenziate in un precedente esposto dei condomini del 1 Aprile del 2015 rivolto ai Vigili Urbani, ai Vigili del Fuoco e l’Arpa. La denuncia non ha trovato nessuna soluzione e la problematica ha assunto un peso notevole per tutta la cittadinanza come dimostra la manifestazione pubblica dello scorso 2 Aprile 2016, sostenuta dal Comitato di Quartiere Cinest e dalla rete delle associazioni ReteCinest, dove si è chiesto che la vicina area condominiale interessata dalle operazioni di carico e scarico merci fosse un luogo fruibile da tutti e non esclusivo, come per altro prevede la sua destinazione d’uso. Nel quartiere è stata inoltre attuata una campagna di sensibilizzazione sull’argomento e una raccolta firme.

Le vibrazioni continue a cui è sottoposto il palazzo e la pericolosità per i pedoni e per le vetture in circolo su viale Antonio Ciamarra sono diventati un’emergenza e per questo i cittadini chiedono che prosegui l’interlocuzione iniziata con la nuova giunta municipale affinché si possa trovare una soluzione concreta per questa situazione.

E’ il suermercato Carrefour di viale Antonio Ciamarra che dovrebbe infatti predisporre e mettere in atto tutte le misure e gli strumenti necessari per lo svolgimento a norma della sua attività economica senza danneggiare i diritti e le vite dei cittadini.

Nell’esposto, nel quale si evidenzia la violazione di numerosi articoli del Codice Stradale, si è inoltre posta all’attenzione dell’amministrazione municipale la problematica legata all’apertura 24 ore su 24 dell’esercizio commerciale. Tale attività risulta incompatibile con la vita dei condomini. I cittadini infatti chiedono che venga imposta una limitazione degli orari in modo tale da poter far rispettare il diritto dei condomini, come previsto dalla Costituzione, a un giusto riposo. La società Carrefour potrebbe infatti rivedere le sue strategie aziendali decidendo di attuare l’apertura 24 ore su 24 negli esercizi di sua proprietà o in gestione che si trovano lontani dai centri abitati e non nello stesso edificio abitato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...